Donne stuprano donna: orrore!!

 

Cinque giovani donne francesi, quattro delle quali minorenni, sono state incriminate per violenza carnale su una ventinovenne di Lille, nel nord della Francia, durante un’azione punitiva motivata da una rivalità in amore. La più anziana delle “aggreditrici”, 27 anni, accusava la vittima di averle rubato il fidanzato. Per questo, nella notte tra il 19 e il 20 agosto, ha convinto le compagne a seguirla in una spedizione punitiva contro l’abitazione della ventinovenne, che è stata aggredita e seviziata per diverse ore, infine stuprata con un oggetto, mentre la casa era sottoposta ad un vero e proprio saccheggio. L’unico ad essere risparmiato, il figlio della vittima, di appena due anni, che si trovava nell’appartamento al momento dei fatti. Due delle accusate, tra cui l’unica maggiorenne, si trovano in detenzione provvisoria in attesa del processo, mentre le altre tre sono in libertà condizionata. Sono sotto accusa per stupro collettivo, furto e violenza aggravata, secondo quanto riferiscono fonti giudiziarie.

E vorremmo condannare gli uomini ? Ma se arriviamo a tanto orrore già noi donne, incapaci di incassare una sconfitta amorosa e di andarcene a testa alta, allora non pretendiamo di avere rispetto dai nostri uomini. Questa notizia ci sconvolge, ci terrorizza, ci fa pensare che essere donna sia una rovina, una disgrazia. Colei che dovrebbe preservare, creare e curare, distrugge e brutalizza …. Perché le donne si stanno trasformando in orrende virago ? Non riusciamo a trovare parole per giustificare un tale atto.

Annunci

150 anni di “unità precaria”

Doccia fredda. Il Sottosegretario Pizza, durante l’incontro alla Prefettura di Palermo dei giorni scorsi, con i rappresentanti della regione Sicilia ha chiaramente negato, secondo quanto riferito da Barbara Evola, “portavoce dei precari della scuola in lotta di Palermo”, in un comunicato, «la possibilità di un aumento di organico, perché non c’è alcuna possibilità di intervenire sui tagli, né alcun margine di intervento sulla riforma della scuola». L’unica misura tampone possibile rimangono “il salva-precari e i progetti regionali”.

«Penso che anche sul precariato della scuola, attraverso un’intesa forte con la regione Sicilia, il governo riesca a riparare almeno in parte al problema». Sono state queste le dichiarazioni dell’On. Pizza a margine dell’incontro avvenuto e riportate da alcune testate online. Ma ha anche aggiunto l’intenzione di «far leva sul turn over progressivamente per assorbire queste sacche, soprattutto in una regione come la Sicilia colpita più di altre dalla recessione economica».

Un’affermazione non definita nei contorni, che lascerebbe intendere una maggiore attenzione nella distribuzione dei posti destinati alle immissioni in ruolo dei prossimi anni. Sono comunque affermazioni che scontentano i precari, i quali non sono intenzionati a smettere la protesta e lascia sulle spalle della Sicilia l’onere di farsi carico dei tagli decisi centralmente attraverso l’uso delle risorse destinate allo sviluppo, i fondi Fas.

Un atteggiamento, quello del governo centrale, ingiustificato nei confronti di una regione a statuto autonomo, dal momento che, come sottolineato dal Governatore Lombardo in una lettera inviata al Ministro Gelmini, «le determinazioni statali hanno interferito con competenze proprie della regione, ledendo un principio costituzionale». E il tutto alla vigilia, forse, del varo della riforma federale.

Strano come, però, al Piemonte siano stati concessi posti in deroga contro i tagli con 240 posti tra sostegno e Ata, secondo quanto riferito da La Stampa, edizione Torino. Oppure in Toscana, dove il Governo si è impegnato per un aumento del tempo pieno.

A quanto pare le riforme e i tagli non possono essere derogati in base alla regione richiedente: ordinaria amministrazione di un secolare discrimine fra Nord e Sud, che continua a distinguere fra insegnanti di serie A e insegnanti di serie B. Non è solo un attacco al “posto pubblico”, ma è un vero massacro della scuola, un’operazione ideologica che affossa la cultura e con essa il Meridione, che così, non avrà più vie di riscatto, né lavorative né di studio.

Appuntamento con l’autore/1

Di Adriano Modica su questo blog, avete già sentito parlare. Che sia uno dei nostri cantautori preferiti (oltre che concittadino), è chiaro, ed è per questo che vi proponiamo un’intervista integrale, con la quale finalmente abbiamo avuto l’onore di carpire il suo pensiero. Vagabondo com’è, sempre in giro per le strade d’Italia, il cantautore per meta calabrese e per metà siciliano, lo abbiamo sentito per un approfondimento legato alla musica indipendente, come genere, ma anche come condizione, come scelta … Ecco cosa dice Adriano Modica, che speriamo di rivedere al più presto sui palcoscenici più importanti, a raccontarci le sue idee, a cantarci le microstorie di noi uomini e donne, contemporanei meridionali.

(altro…)

Donnine che incantano

Mostri fuori e dentro di noi. L’immaginario e il surreale, il pensiero e la realtà, la facciata e la verità. Donnine curate, glamour, romantiche come i fidanzatini di Peynet, si fanno strada nel mondo dell’arte. Un po’ mistero, un po’ manequinn, un po’ cartone animato stile Candy Candy, la donna di Daria Piromalli è il volto pensante della post modernità.

Con “Mostri sopra le nostre teste”, si inaugura alla Tag Art Shop Gallery di Reggio Calabria, la prima personale della reggina Daria Piromalli, fuggita dal mare dello Stretto per rifugiarsi al Naba (Nuova Accademia delle Belle Arti) di Milano, dove oggi vive e lavora. Con soli venticinque anni sulle spalle, Daria stessa appare come l’immagine in carne ed ossa delle sue donnine virtuali; non ancora donna, non più bambina. Sono così anche le sue illustrazioni, cariche di una femminilità fresca e ancora acerba, lontana dal modello offerto dai media contemporanei. Alla donna tutta curve, Daria offre l’idea di una donna piena di squisita femminilità, rilanciata dai particolari alla moda o dai grandi occhi languidi, che la dicono tutta sul carattere femminile. Oltre, ci sono i mille pensieri reconditi che da sempre, le donne si portano dietro come eredità; fin dalla nascita un groviglio di responsabilità, di atteggiamenti da reiterare senza far trapelare nulla. Ecco i mostri sospesi sulle nostre teste col taglio alla moda, pronti ad essere annaffiati da angosce e dall’onere di essere donna, per sé e per gli altri.

(altro…)

Appunti di viaggio

 

Giorni di pioggia! La variabilità è quella tipica di una città del Nord Europa; l’aria a volte è chiusa, a Berlino, altre volte, persino in piena estate, gli abbassamenti vertiginosi della temperatura ti tagliano il corpo e l’umido penetra negli indumenti. Di chiuso, a Berlino, c’è anche il carattere delle persone. La prima cosa che impari mettendo piede sul territorio tedesco, è il rigore: una merce che i berlinesi vendono a poco prezzo, anzi svendono. Regole di civiltà però, dovremmo sottolineare, che a noi italiani del Sud appaiono troppo rigide. Rigore, ordine e a volte anche qualche norma incomprensibile, come quelle di non poter portare lo zaino su due spalle o the jacket sul braccio oppure sulla borsa a tracolla; così è, sull’isola dei musei berlinesi. Mi sono chiesta: «ma se ci fanno entrare con borse e quant’altro, che senso ha far cambiare posizione agli oggetti che indossiamo?». Lo zaino va “rigorosamente” su una spalla e the jacket “rigorosamente” legato al bacino o al pube, come direbbe una mia amica in vena yoga! E questa è una stranezza. La seconda è ben più grave.

Nell’era della globalizzazione tutto viaggia liberamente, tutto, uomini/donne/bambini/merci/denaro/animali/servizi… si sposta repentinamente utilizzando la lingua del business, che notoriamente è l’english; ebbene in Germania, no! I tedeschi non parlano l’inglese, non lo capiscono, e cosa più scandalosa, non lo utilizzano per le informazioni rivolte ai turisti. Ora, posso comprendere i pregressi storici, che non fanno sperare in una futura simpatia fra Germania e Inghilterra/Usa, ma almeno le didascalie, nei musei, o sulle opere, dovrebbero essere in inglese. Figuriamoci l’italiano! Non sanno nemmeno che esiste.

Dal punto di vista linguistico, il nostro Bel Paese è come se non stesse sulla cartina geografica dell’Europa (c’è l’Europa ? ah… pensavo fosse solo una questione economica…. E infatti culturalmente non c’è: ogni paese si fa i fatti suoi! Ma almeno puoi pagare in euro). Ausgang invece di Exit, ed Eingang invece di Entrata. C’è da rompersi il capo prima di capirlo. Non è una questione di ignoranza per i berlinesi, come per gli italiani che se sanno tre parole d’inglese è già un miracolo; loro proprio non si sforzano ad utilizzarlo a meno che tu non glielo chieda apertamente. In fondo dovremmo prendere esempio….. magari, noi che siamo così americanizzati!!! E questa è la seconda stranezza.  La terza stranezza, un po’ la immaginavo, data la durezza dei trascorsi storici. The german persons are very colds! E l’accoglienza verso i turisti ? Ne vogliamo parlare ? Non mi riferisco ad albergatori, tassisti, commercianti, in quel caso la gentilezza fa parte del lavoro, ma mi riferisco alla gente comune, specie quella di media età. I giovani ? Beh loro si! Ti rispondono. Ma sempre di fretta. O con una bottiglia di Berlin Pilsener fra le mani. Insomma, chiedere un’informazione a Berlino…. It’s very complicated!!! Per loro è tutto “easy”.

Dunque, facciamo i conti. Niente inglese, niente cortesia all’italiana (a parte qualcuno che si è prestato nel sollevamento della mia valigia al fine di riporla nel vano dell’aereo), niente calore umano. I tedeschi stanno per i fatti loro e non ti invogliano come turista. Sarà che io sono una meridionale con tutti i sacramenti, e magari questo modo di essere l’ho percepito più degli altri. Non me ne vogliate. Però non posso negare che Berlino abbia un fascino tutto particolare.

Venite in Germania. Visitate Berlino! Ne vale davvero la pena: è l’ombelico dell’Europa, dove la cultura, l’arte e la mentalità crescono a vista d’occhio; è quasi fisiologico il cambiamento del tessuto sociale. In soli vent’anni, dalla caduta del vergognoso muro, Berlino è come se fosse risorta dalle macerie.

E’ un luogo pieno di contraddizioni. Da una parte il nazionalismo di cui sopra, dall’altra una sfrenata multi etnicità; da una parte il volto classico e superbo, dall’altra l’espressionismo smisurato degli artisti contemporanei, dell’architettura senza barriere. Tutto può trasformarsi in arte; un angolo, la facciata di un palazzo, un anfratto nel verde dei parchi…  Non solo la porta di Brandeburgo o Aleksander Platz o di fronte ai graffiti del Berlin Mauer o estasiati davanti al volto di Nefertiti o persi fra i mercatini delle pulci e le bancarelle degli artisti di strada o comodamente seduti su una panchina a ingozzarvi di currywurst o plagiati dall’odore del pane con i semi di girasole o ancora sospesi sotto la cupola in cristallo del Reichstag o infine, commossi davanti alle croci dei caduti, davanti al mausoleo degli Ebrei, alle foto color seppia di intere famiglie sterminate come piante da estirpare…. Stare sotto il cielo di Berlino è come stare al centro del mondo!